BENNATI VINCE LA CLASSIFICA DEL GIRO DELLA TOSCANA

21/09/2016 19:05:21

Con due terzi posti Daniele Bennati vince il Giro della Toscana

Daniele Bennati è il vincitore del Giro della Toscana - Memorial Alfredo Martini 2016. Grazie al doppio terzo posto centrato sia ieri a Montecatini Terme che oggi a Pontedera, il corridore della Tinkoff è riuscito a scalzare Giovanni Visconti, ottenendo un successo in una corsa a tappe. "Dopo aver seguito Aru ieri in salita, oggi vinco una corsa a tappe - commenta in conferenza - Potrei dire di essere un corridore da giri a tappe (sorride ndr). A parte gli scherzi, probabilmente non la sarò mai e ho vinto la classifica solo per la costanza nei piazzamenti. Ho un piccolo rammarico per non esser riuscito ad alzare le braccia al cielo, ma è pur sempre una vittoria che si va ad aggiungere al mio palmares. Solamente quattro mesi fa ero fermo con le vertebre rotte. Sono soddisfatto, ho fatto una bella Vuelta e vincere in Toscana, con i miei familiari e amici è bellissimo. Inoltre questa gara è dedicata a due grandissimi del ciclismo italiano, Martini e Ballerini. Sono orgoglioso aver vinto la classifica".
In gara con la maglia della Nazionale Italiana, l'aretino ha lanciato un segnale molto importante a Davide Cassani, il quale lo ritiene una garanzia per i Campionati del Mondo di Doha 2016. "Al 99,9% ci sarò - prosegue - Tutte le gare che ho fatto e farò sono per avere condizione per metà ottobre. Allo stesso tempo è stato importante correre con i miei futuri compagni come Sabatini e Guarnieri". Bennati sarà il regista della squadra, incarico di cui si dice "pronto ad assumermi la responsabilità con orgoglio". "Il CT crede tantissimo in me - prosegue - Mi ha dato la possibilità di riassaporare la maglia azzurro, dopo aver avuto delle situazioni particolari, non per causa mia. Grazie a lui sono nuovamente diventato importantissimo. Cercherò di prendere questo ruolo nel migliore dei modi, credo sia molto gratificante poterlo ricoprire".
In Qatar la sfida per una medaglia non sarà facile. Il livello degli avversari sarà elevatissimo e anche l'atleta della Tinkoff è consapevole che battere Cavendish, Kittel o Greipel sarà tutt'altro che facile. Bisognerà vedere come si svolgerà la corsa, poiché un arrivo a ranghi compatti non sarà scontato, con l'incognita del vento e non solo. "Sarà un mondiale particolare, poiché farà anche molto caldo. Correre con 40°C nel deserto non è cosa da poco, non tutti riusciranno a far la volata - conclude - Noi abbiamo tutte le carte in regola per portare il nostro velocista nelle migliori condizioni di giocarsela".

Fonte:cyclingpro.net